Errore
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering
  • Errore nel caricamento dei Moduli:MySQL server has gone away SQL=SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params FROM jos_modules AS m LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm ON mm.moduleid = m.id WHERE m.published = 1 AND m.access <= 0 AND m.client_id = 0 AND ( mm.menuid = 28 OR mm.menuid = 0 ) ORDER BY position, ordering

"Il piatto é servito"! A chi? Ai tarantini? Troppo generico! A quelli che dalle emissioni ILVA, e non solo, hanno tratto più nocumento perdendo la salute, soprattutto i più poveri (con basso SES = stato socio economico, si dice in scientifically correct).

Più morti e più malati non bastano.


A Taranto si sapeva da decenni che la mortalità generale e quella per tumori e malattie respiratorie era più alta della media regionale e nazionale. Ma questo non bastava a dimostrare che la causa fosse il siderurgico con le sue emissioni o la raffineria o il cementificio. Eppoi con tutto il lavoro (ed i voti) che davano, chi ci pensava a disturbare il manovratore! A un certo punto il giocattolo si é rotto, é cresciuta la sensibilità ambientale, qualcuno, non le istituzioni, hanno trovato più diossina del lecito nei formaggi delle aziende agricole prossime al siderurgico e nelle cozze coltivate nel Mar Piccolo e quello che non avevano fatto le istituzioni politiche lo fa la magistratura : cercare di mettere un freno alla mattanza. Siamo nel 2012 ed il siderurgico viene sequestrato anche sulla base di una perizia epidemiologica che per la prima volta mette in relazione morti e ricoveri con le specifiche emissioni del siderurgico, circa trenta morti in più all'anno per tutte le cause. La perizia é ordinata da una giudice, la dott.ssa Todisco, GIP nel processo "ambiente svenduto" promosso dalla Procura della Repubblica di Taranto. Le istituzioni politiche sono prese in contropiede, soprattutto quella regionale ( a livello nazionale in realtà lo Studio SENTIERI del 2011 promosso dall'ISS, quindi dal Governo, aveva confermato con studi di  mortalità ciò che già si sapeva su Taranto). la Regione Puglia redige un mega progetto, 5 milioni, ingaggia uno degli autori dello studio giudiziario di Taranto, gli chiede di aggiornarlo al 2013 e di replicarlo a Brindisi, poi prevede studi di biomonitoraggio e di tossicologia, cioè di misurazione di inquinanti nel corpo umano e di prove di laboratorio in cui si cimentano in vitro le polveri inquinate di Taranto con le cellule del sangue per testarne la pericolosità. Intanto il comando politico alla Regione cambia. E cambia anche la direzione dell'Arpa che nella redazione del progetto aveva avuto un ruolo fondamentale. Arrivano i primi risultati : lo studio aggiornato su Taranto conferma la relazione tra eventi sanitari ed emissioni anche nei bambini, e registra una riduzione della emissioni dopo il 2012, cioè dopo il sequestro giudiziario. Il nuovo governo regionale considera lo studio una conferma alla propria propria richiesta di "decarbonizzazione" del siderurgico e lo stop ai decreti "salva ILVA" che sono delle licenze ad operare anche in violazione dei limiti emissivi previsti dalla legge. Ma stranamente il primo a prendere le distanze dallo studio epidemiologico è proprio uno dei suoi autori, il direttore dell’ARPA che lo aveva promosso: i dati epidemiologici non sono sufficienti, bisogna  fare gli studi tossicologici. Come un riflesso condizionato, quando qualche studio dimostra che l’inquinamento industriale fa morti e malati le prime ad intervenire, sminuendo e precisando, sono le istituzione ambientali e sanitarie, le industrie in genere tacciono.

Ci vogliono sempre altre evidenze.

Ed ecco che gli studi tossicologici erano già pronti a Roma. Non  bastava avere avuto per decenni una mortalità superiore a tutte le medie, non basta oggi neppure avere studi epidemiologici che dicono quanti decessi sono attribuibili a quelle emissioni, bisogna alzare l'asticella sempre di più. Bisogna dimostrare se quegli inquinanti penetrati nel corpo delle persone fanno davvero male più che altrove e se quelle polveri, estratte dai filtri delle centraline e cimentate con cellule del sangue, sono più nocive di quelle di un'altra città. L’onere della prova è sempre a carico delle vittime!
E questo é il menù del 7 dicembre a Roma preparato  dall'ISS, cioé dal Governo, dall'Arpa Puglia e dalla ASL di Taranto. Tre studi che dicono tre semplici cose. Le polveri sottili di due centraline di Taranto, messe a contatto con le cellule del sangue in laboratorio non sono più tossiche per le cellule immunitarie né favoriscono lo sviluppo delle cellule infiammatorie più delle polveri di alcune centraline di Roma. Un gruppo di donne con endometriosi a Taranto hanno un rischio proporzionale ai loro livelli di diossina nel sangue, ma l'endometriosi a Taranto é in linea con i dati nazionali. i bambini di Taranto hanno più disturbi del comportamento quanto più vicino vivono al siderurgico e quanto più piombo hanno nel sangue, ma non superano le percentuali nazionali, 10-15%. Certo, i ricercatori elencano tutti i limiti della loro ricerca, la sua relazione con il periodo attuale e non con il passato, e la solita conclusione: occorrono più studi, occorrono più fondi per la ricerca. Il Presidente della Regione non é soddisfatto e ritiene inaccettabile tanto piombo nei bambini, il Sindaco che era incredulo dinanzi ai morti in più dello studio epidemiologico, ora si dice rassicurato dagli studi tossicologici.


La politica non deleghi i suoi doveri alla scienza.

Il messaggio é chiaro ed é sotto forma di domanda: ma cosa volete a Taranto? Va bene i morti ed in malati in più,  ma le vostre polveri non sono più nocive che altrove. Chiudete la stagione della colpevolizzazione del siderurgico e scordiamoci del passato.
La scienza ha detto la sua e continuerà a farlo. Sappiamo che non é neutra neppure quando sceglie il disegno di uno studio e tira delle conclusioni. E non lo è neppure la  comunicazione dei suoi risultati, fatta a volte per tranquillizzare o solo per seminare dubbi.
A questo punto é necessario l'intervento della politica, cioè dei cittadini. Davvero si possono rottamare le evidenze epidemiologiche? davvero ci rassicura che le polveri di Taranto sarebbero tossiche quanto quelle di Roma? Che l'autismo e l'endometriosi sono nella quantità attesa? Taranto non é Roma e non é l'Italia, ha il 50% di famiglie a reddito medio basso ed i quartieri dove vivono i bambini con più piombo nel sangue sono anche i più poveri. Che senso ha confrontare una città  con una popolazione 10 volte maggiore con quella di Taranto?  E’ abbastanza inutile che il Sindaco di Taranto cerchi rassicurazioni nella scienza per prendere delle decisioni politiche. La ricerca scientifica e le politiche sanitarie e ambientali, ossia economiche, hanno statuti "epistemologici", ma soprattutto etico - politici, molto differenti. Quello che è necessario, sotto il profilo della prova e della certezza, nella prima, non lo è affatto nella seconda. Per una politica di sanità pubblica è sufficiente il principio di precauzione, o, come nel caso di specie, di prevenzione dato che di dubbi di nocività non ve ne sono più.

Non vi è dubbio, infine, che il surplus di malati prodotto dall’inquinamento industriale in questi anni e quello che, dopo la necessaria latenza, continuerà a presentarsi abbia diritto alle cure necessarie. E’ giusto quindi destinare a quell’area i servizi sanitari pubblici che occorrono. Costi esterni anche questi che come la bonifica devono essere imputati agli inquinatori e non alla collettività.

Share

Presentazione della Raccolta Periodica di Salute Pubblica dedicata a Nicola Lovecchio.
Contributi di Maurizio Portaluri, Stefano Palmisano, Giovanni Peronato, Vito Totire, Patrizia Gentilini. Foto Ida Santoro, Grafica Filippo Motole.


Contributi differenti su temi caldi, affrontati con un pensiero “libero”, che riguardano la salute dei territori e delle persone, dei bambini e dei lavoratori, come spunto di conoscenza e di riflessione per possibili soluzioni. 
Una pubblicazione dedicata a Nicola Lovecchio, scienziato scalzo, perché il sapere soggettivo che proviene dal vissuto concreto è molto più vicino alla realtà del sapere ufficiale. Dedicato quindi a chi ha pagato con la vita le contraddizioni del ricatto salute-lavoro. 
La raccolta, stampata in cento copie, è stata realizzata grazie ad un finanziamento del CSV Poiesis della provincia di Brindisi con il Concorso “COMUNICA LE TUE IDEE”.

Sfogliabile on line su issuu.com/salutepubblica

Venerdì 16 dicembre 2016 ore 19.00

con Marco ALVISI, ricercatore, Maurizio PORTALURI, medico oncologo, Ida SANTORO, fotogiornalista

Vineria Susumaniello a Brindisi

Incontro aperto al pubblico.

Share

Martedì 22 novembre 2016 in Commissione Territorio, ambiente, beni ambientali del Senato sono stati auditi tre ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) sulla centrale a carbone Enel di Cerano.

La dott.ssa Mangia, ricercatrice dell’Istituto di scienza dell’atmosfera e il clima (ISAC) del CNR di Lecce, ha focalizzato l’intervento sulla ricerca condotta sulla centrale a carbone di Cerano (http://www.mdpi.com/1660-4601/12/7/7667/pdf). Ricerca che ha affrontato il problema del particolato secondario derivante dalle emissioni di gas precursori emessi dalla centrale termoelettrica. Lo studio ha evidenziato che l’area investita dal particolato secondario è molto più vasta di quella interessata dal primario, e che di conseguenza la popolazione esposta è molto più numerosa.

Attraverso un approccio di valutazione d’impatto sanitario, lo studio ha stimato che se si considera solo l’esposizione al particolato primario, sono 4 i decessi attribuibili alla centrale, ovvero i decessi che si stima si sarebbero potuti evitare annualmente se non vi fosse stata esposizione. Se la stima tiene conto anche del particolato secondario, allora il numero dei decessi attribuibili aumenta con una variabilità tra 7 e 44, a seconda dei diversi scenari che si possono assumere.

In conclusione, Mangia ha sottolineato “la necessità che in presenza di grandi emissioni di gas che portano alla formazione di  particolato secondario, come è il caso delle centrali a carbone, il particolato secondario entri  nelle valutazioni di impatto ambientale e sanitario e che nel caso della centrale di Brindisi, ignorarne il ruolo conduce ad una sottostima notevole dell’impatto sanitario”.

A seguire è intervenuto il dott. Marco Cervino dell’ISAC di Bologna. Cervino ha evidenziato che i decessi all’anno attribuibili al particolato secondario sono solo una parte degli impatti stimabili, in quanto una valutazione di impatto ambientale e sanitario (VIIAS) dovrebbe essere allargata a danni sanitari diversi dal decesso e a tutte le altre emissioni dell’impianto. Ha inoltre specificato che “nello studio i decessi annualmente attribuibili alla centrale si riferiscono a tutte le cause di decesso, non solo tumori”. Ha sottolineato le differenze fra i metodi e i risultati dello studio e quelli del Risk Assessment (RA) compreso nella Valutazione di Danno Sanitario presentata da ARPA ed ARES Puglia e dall’ASL di Brindisi: quest’ultimo, non comprendendo il particolato secondario, non effettua la stima del danno attribuibile a questo inquinante. “La VIIAS segue un metodo e utilizza dati diversamente da quanto fa un RA, e conseguentemente ottiene risultati diversi. Gli effetti sanitari avversi ricavabili col metodo VIIAS, come i decessi attribuibili, possono essere (e in questo caso, sono) aggiuntivi a quelli determinati dal RA.” Lo studio potrebbe fornire un modo per valutare l’impatto sanitario (almeno per i decessi attribuibili) del particolato secondario. Questa indicazione dovrebbe essere colta dalle autorità competenti, per esempio quelle impegnate nella procedura di rinnovo della AIA.

A questo ultimo proposito Cervino ha rilevato che nelle procedure autorizzative delle nuove centrali termoelettriche di grandi dimensioni, anche alimentate a gas naturale, l’impatto ambientale del particolato secondario è stato preso in considerazione negli ultimi anni, avendo come esito limitazioni all’esercizio o diniego di autorizzazione all’esercizio delle centrali.

L’intervento del dott. Emilio Gianicolo, ricercatore dell’Istituto di fisiologia clinica del CNR di Lecce, ha avuto come filo conduttore l’accettabilità dei rischi sanitari e i soggetti che devono essere titolati a definirla. Ha specificato che nello studio CNR i ricercatori non hanno assunto a-priori alcuna soglia di accettabilità e ciò per due motivi tra loro interconnessi. “L’individuazione di una tale soglia, non può essere delegata a tecnici, a cui riconoscendo uno statuto morale superiore, si concede il privilegio di discernere, per una data comunità esposta, tra un rischio accettabile ed uno inaccettabile”. Ma che “questa soglia debba essere il frutto di un percorso consapevole della comunità medesima con la necessità che la popolazione esposta comprenda il livello di rischio. La comunicazione” ha aggiunto ”è, nel percorso di consapevolezza, un elemento imprescindibile. È di tutta evidenza che il comunicare una misura assoluta di rischio, come lo è il numero dei decessi attribuibili ad una fonte di inquinamento, renda la comunicazione scientifica più facilmente fruibile della comunicazione di una potenza 10-x”.

Il ricercatore ha completato l’intervento commentando come i limiti di legge attualmente in vigore “non sono in grado di salvaguardare adeguatamente la salute pubblica. Detti limiti sono, infatti, il frutto di compromessi tra esigenze di salute ed esigenze economiche, politiche e tecnologiche.” Ha inoltre richiamato la necessità di attuare il principio di precauzione ossia che “in caso di pericoli, anche solo potenziali, per la salute umana e per l’ambiente, deve essere assicurato un alto livello di prevenzione”. Infine, per quanto concerne la prevenzione e, dunque, la salvaguardia della salute pubblica “un’indicazione operativa deve presupporre come ipotesi di partenza che nessun decesso, attribuibile alle emissioni di una centrale a carbone, possa essere accettabile. Da qui si devono derivare i necessari interventi da compiere sugli impianti, poiché solo interventi efficaci e mirati sull’impiantistica e sulla bonifica ambientale possono eliminare ogni nocività e rischio per le persone.

Il video degli interventi è disponibile al seguente indirizzo http://webtv.senato.it/4621?video_evento=3142.

Share

Ancora conferme sulla relazione causale tra emissioni delle centrali, in particolare Cerano, e le malattie ed i decessi a Brindisi e dintorni.

Il 20 settembre scorso la dirigente del Servizio Analisi della Domanda e della Offerta di Salute e Flussi informativi dell'ARES Puglia, l'epidemiologa Lucia Bisceglia, è stata audita dalla Commissione Ambiente del Senato nell'ambito di un'attività tendente a chiarire gli impatti ambientali e sanitari della Centrale Enel di Cerano in Brindisi.

Dopo un exursus sui numerosi studi ambientali e sanitari esistenti su Brindisi e sulla suddetta centrale, la dott.ssa Bisceglia ha anticipato alcuni dati dell'atteso studio di coorte sulla popolazione di Brindisi e di altri 6 comuni, composta da 223934 persone seguite dal 2000 al 2013. Lo studio è stato realizzato per Taranto (questo già presentato il 3 ottobre scorso a Bari in Regione Puglia) e per Brindisi dal Centro Salute e Ambiente finanziato dalla Regione Puglia. Il gruppo di ricerca è guidato dall'epidemiologo del DEP Lazio Francesco Forastiere e la versione definitiva per Brindisi sarà pronta per il dicembre prossimo.

Le anticipazioni, ancora parziali, forniscono "indicazioni preliminari circa un’associazione tra l’esposizione a SO2 utilizzato come tracciante delle emissioni (relative al 1997 ndr) delle centrali di Brindisi (ovvero come surrogato della miscela degli inquinanti emessi dalle centrali) e alcune cause di morte (tutti i tumori, tumore del pancreas, malattie dell’apparato respiratorio). Tali eccessi di mortalità osservati nella coorte dei residenti nell’area di Brindisi nei sottogruppi più esposti agli inquinanti di origine industriale sono coerenti con le indicazioni della letteratura scientifica sugli effetti dell’inquinamento atmosferico."

 

"Le precedenti valutazioni di epidemiologia descrittiva - ha aggiunto Bisceglia - relative alla mortalità per gli anni 2006-2011 e all’ospedalizzazione per il periodo 2006-2013 fanno registrare nell’area a rischio e nel comune di Brindisi eccessi rispetto al dato regionale per alcune patologie oncologiche (tutti i tumori, tumore della pleura nel sesso maschile, tumore del polmone, tumore della vescica), per le patologie cardiovascolari e per le patologie respiratorie, soprattutto di tipo cronico."

 

Circa lo studio del CNR ( “Secondary Particulate Matter Originating from an Industrial Source and Its Impact on Population Health” (Int. J. Environ. Res. Public Health 2015, 12(7), 7667-7681), pubblicato nel 2015 che suscitò tanto scalpore e tante critiche per l'indicazione di una stima di decessi attribuibili alle emissioni della Centrale di Cerano ( impatto associato ad un valore massimo di di PM2,5 di 0,38 μg/m3, compreso tra 4 e 28 decessi, con un range di incertezza statistica che va da 1 a 44), la dirigente dell'ARES ha dichiarato che è da considerarsi "sovrapponibile ai valori prodotti da ARPA Puglia". "I rapporti ARPA e CNR presentano alcune analogie, essenzialmente nell’approccio di valutare gli effetti sanitari delle emissioni industriali a prescindere dalla mera verifica del rispetto dei limiti normativi, e alcune differenze." Queste ultime riguardano la metodologia e le sorgenti considerate.

Alcune di queste anticipazioni sono state presentate i primi di settembre scorso al congresso mondiale di epidemiologia ambientale (ISEE2016). http://salutepubblica.net/la-rivista/255-salute-pubblica.html

Quando nel 2000 il TAR rigettò l'rdinanza di chiusura della Centrale Brindisi Nord la motivazione fu che non vi erano evidenze di danno alla salute. Adesso che le evidenze sono giunte, si attendono scelte coerenti da parte dei rappresentanti istituzionali.

La relazione dell'ARES è scaricabile dal sito del Senato al seguente indirizzo:

https://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg17/attachments/documento_evento_procedura_commissione/files/000/004/275/Documentazione_AReS_Puglia.pdf
Share

Lo “Studio di coorte sugli effetti delle esposizioni ambientali ed occupazionali sulla morbosità e mortalità della popolazione residente a Taranto”,  commissionato nel 2014 dalla Regione Puglia ad un composito gruppo di ricerca guidato dall’epidemiologo Francesco Forastiere del Dipartimento di Epidemiologia del Lazio, autore con Annibale Biggeri, epidemiologo dell’Università di Firenze, di un analogo studio per il GIP di Taranto Todisco, è stato finalmente pubblicato. Si tratta in realtà di un aggiornamento della consulenza svolta per la magistratura di Taranto nel 2012 con qualche variazione come la considerazione dell’effetto dalla SO2.

Il rapporto conclude senza esitazione che “ l’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e morte. Le metodologie adottate hanno permesso di quantificare i rischi di malattia e morbosità derivanti dalle esposizioni recenti e passate e hanno permesso di escludere il ruolo di confondimento di possibili fattori esterni. Lo stato dell’ambiente e della salute della popolazione deve essere continuamente monitorato per meglio valutare i cambiamenti temporali e garantire interventi di prevenzione ed una adeguata assistenza sanitaria.”

“Per quanto riguarda i tumori tra gli adulti (specie i tumori solidi), l’esposizione etiologicamente rilevante e quella avvenuta 15-30 anni prima della comparsa della malattia. Nel caso dei lavoratori e della popolazione generale, dunque, le esposizioni avvenute durante gli anni 60-80 possono ritenersi responsabili dei casi di tumore del polmone, della vescica, e dello stomaco. Per le malattie cardiovascolari o respiratorie, ovvero per le malattie respiratorie nei bambini, il ragionamento è diverso e la latenza tra esposizione ed effetto è di pochi anni. L’evidenza su questo aspetto è disponibile dai dati della letteratura ed è confermata dalla analisi effettuata in questo studio che suggerisce un chiaro effetto della esposizione nell’ultimo anno o negli anni immediatamente precedenti. Del resto, l’analisi “difference in differences” mostra chiaramente una relazione temporale tra andamento dell’inquinamento negli ultimi anni e mortalità per tutte le cause naturali. Almeno una parte della mortalità associata alla esposizione ad inquinanti ambientali dunque può essere prontamente reversibile al diminuire della esposizione.”

Queste le sintetiche conclusioni.

In dettaglio sono stati studiati la città di Taranto e i due comuni limitrofi Statte e Massafra che presentano “un quadro sociale variegato con presenza contemporanea di aree ad elevata emarginazione e povertà ed aree abbienti. A questa stratificazione sociale si associano differenze importanti di salute (e di probabilità di morte). Le classi sociali piu basse hanno tassi di mortalità e di ricorso al ricovero ospedaliero più alte di circa il 20% rispetto alle classi sociali più abbienti.”

“Anche tenendo conto degli effetti della stratificazione sociale, la situazione sanitaria in termini di mortalità e ricoveri ospedalieri non è uniforme nella città. In particolare, tassi più elevati si osservano nei quartieri Paolo VI e Tamburi (Tamburi, Isola, Porta Napoli, Lido Azzurro). Per questi quartieri, anche tenendo conto dei differenziali sociali, delle esposizioni ambientali e delle categorie occupazionali indagate con questo studio, i livelli complessivi di mortalità e di ricorso al ricovero sono più elevati. Gli eccessi sono sostenuti dai tumori, dalle malattie cardiovascolari e dalle malattie respiratorie.

Considerando l’esposizione individuale a PM10 ed SO2 di origine industriale, si è osservato un aumento del rischio della mortalità per cause naturali, per cause tumorali, per malattie cardiache, per infarto acuto del miocardio e per malattie renali. Gli effetti del PM10 e delSO2 sul rischio di mortalità naturale e causa-specifica aumentano all’aumentare dell’esposizione.

Anche i ricoveri ospedalieri sono positivamente associati con incrementi di concentrazione di PM10 ed SO2. In particolare eccessi si sono osservati per ricoveri per cause naturali, cause neurologiche, cardiache, infezioni respiratorie, malattie dell’apparato digerente e malattie renali. Gli effetti sulle patologie respiratorie sono più importanti quando si considera la popolazione dei bambini di 0-14 anni. Anche se il risultato dovrà essere verificato in indagini successive, appare rilevante la relazione tra esposizione ambientale ed esito abortivo della gravidanza.

L’analisi della incidenza tumorale ha messo in evidenza una relazione della esposizione ambientale con il tumore del polmone, della mammella per le donne e del rene per entrambi i sessi. L’analisi della latenza degli effetti dell’esposizione sul rischio di mortalità per cause naturali ha dimostrato un danno sulla salute per esposizioni avvenute in un lontano passato (più di 25 anni prima dell’anno di inizio dello studio) ma anche, e soprattutto, per esposizioni molto recenti avvenute negli ultimi anni.

Sono emerse delle associazioni chiare tra attività lavorativa ed eccessi di mortalità per tumore, in particolar modo tumore dello stomaco, del polmone, della pleura e del rene. Eccessi importanti del rischio di mortalità per malattie respiratorie come la BPCO si sono osservati tra i lavoratori nelle costruzioni meccaniche, mentre eccessi del rischio di mortalità per malattie renali si sono evidenziati tra gli addetti alle costruzioni navali.

il mancato aggiustamento per fumo di sigaretta, assunzione di alcol e obesità congiuntamente hanno determinato una distorsione trascurabile (max 4%) delle stime di effetto per le cause di mortalità analizzate. I risultati ottenuti con l’approccio Differences in Differences (DID) hanno confermato una relazione causale tra le variazioni dei livelli di PM10 industriale e i tassi di mortalità nel periodo 2008-2014 nei quartieri a rischio. Ad incrementi positivi di PM10 industriale medio si associano infatti incrementi dei tassi di mortalità, specialmente per cause respiratore.”

Nulla di nuovo, studi condotti in altre parti del mondo con le stesse emissioni hanno confermato gli stessi effetti. Di nuovo vi è, a detta dei ricercatori, anche un effetto per quanto riguarda le malattie neurologiche e renali. “Queste malattie sono state messe in relazione in diversi studi con la esposizione a metalli pesanti, componenti del particolato sospeso.  Rimangono da approfondire tutti gli aspetti relativi agli effetti dell’inquinamento ambientale sulla salute riproduttiva alla luce dei risultati relativi agli esiti abortivi.”

Oltre ad una precisa corrispondenza tra incrementi di mortalità e incrementi di produzione dell’acciaieria e quindi di inquinanti, l’indagine rileva che la popolazione studiata è, stabilmente nel tempo, per il 50% composta da persone con stato socio-economico medio basso.

Inoltre l’inquinamento dell’acciaieria tarantina sembra aver prodotto anche malattie del sistema nervoso e renali che in letteratura non erano state segnalate in contesti analoghi. Lo stesso dicasi per le malattie della sfera della riproduzione con una maggiore abortività.

La conclusione più interessante è che riducendo l’inquinamento si otterrebbero subito miglioramenti sulla salute e la mortalità a breve termine.

Ora la palla passa alle decisioni politiche.

 

Share

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information